Journal

26 marzo 2014

L’Italia tra organicismo, neorealismo e nostalgia di Luigi Prestinenza Puglisi

Parte 5: 1944-1956, Capitolo 1: Risvegli

1.11 L’Italia tra organicismo, neorealismo e nostalgia della storia

Uscita a pezzi dall’esperienza della guerra, l’Italia si trova a dover fronteggiare la ricostruzione con una industria edilizia arretrata e un sistema politico-economico inidoneo a fare prevalere le ragioni della programmazione e dell’industrializzazione rispetto alle speculazioni della rendita fondiaria e dello sfruttamento di una forza lavoro abbondante e a basso costo. Gli stessi architetti, molti dei quali sono stati compromessi a livello ideologico con il passato regime fascista, sono refrattari alla tecnologia e alla razionalizazione e propendono per un’architettura celebrativa e monumentale oppure intimista e vernacolare: da qui un’edilizia anacronistica che non esita a usare tecniche desuete, con conseguente spreco di lavoro e di materie prime, e che, nei casi peggiori, indulge nella decorazione ed è allergica a qualunque ipotesi di normalizzazione e standardizzazione.

In questa luce, anche lo sforzo del Centro Nazionale delle Ricerche e dell’USIS di pubblicare nel 1946  il Manuale dell’Architetto curato da Cino Calcaprina, Aldo Cardelli, Mario FiorentinoMario Ridolfi e Bruno Zevi appare quasi titanico: nonostante si tratti di  un volume pragmatico, attento alla realtà artigianale del Paese e certamente non rivoluzionario, appare, infatti, come un coraggioso tentativo di avvicinamento a un approccio sistematico “ redatto da italiani su modelli americani”.

A premere per una sprovincializzazione del clima culturale e’ Bruno Zevi, tornato, con gli alleati, dagli Stati Uniti, dove si era rifugiato per sfuggire alle persecuzioni razziali e si era laureato ad Harvard con Gropius. Nel 1945 pubblica il saggio Verso un’architettura organica, che rilancia in Italia le figure di Frank Lloyd Wright e di Alvar Aalto e, nello stesso anno, partecipa, con Eugenio Gentili, Luigi Piccinato, Enrico Tedeschi, Cino Calcaprina, Silvio Radiconcini alla redazione di Metron , una rivista che ha il merito di rilanciare l’architettura contemporanea con servizi su quanto di meglio si viene realizzando in Europa, negli Stati Uniti ( tra i collaboratori vi e’ anche Lewis Mumford) e in Italia, per esempio con il quartiere sperimentale QT8 realizzato a Milano su progetto di sistemazione urbanistica di Piero Bottoni.

Nel luglio del 1945, su iniziativa di Zevi, e’ fondata l’APAO, l’Associazione per l’Architettura Organica. Riunisce i migliori architetti del Paese  e dura sino al 1950. Tre i principi dell’associazione, come si evince dal testo della dichiarazione dei principi, apparso nel numero 2 di Metron: il rifiuto dei rigurgiti classicisti e stilistici per abbracciare l’architettura funzionale nella sua ultima evoluzione, cioè l’architettura organica; la consapevolezza che l’architettura organica e’ una attività sociale, tecnica e artistica diretta a creare l’ambiente per una nuova civiltà democratica quindi diretta all’uomo e modellata secondo la scala umana e in antitesi il monumentalismo asservito ai miti statali; la fiducia nella libertà architettonica pur nei limiti tracciati dalla pianificazione urbanistica.

Nata con la funzione di fungere da elemento di aggregazione e di unificazione di un panorama nazionale diversificato, l’APAO poco riesce a mediare tra le differenti tradizioni e caratteristiche locali e soprattutto tra le due principali scuole: la milanese, più vicina al razionalismo, e la romana, più attenta alla materia e agli effetti plastici. Una differenza che emerge anche nelle opere più importanti del primo dopoguerra: il Monumento alle Fosse Ardeatine, realizzato a Roma da Nello Aprile, Cino Calcaprina, Aldo CardelliMario Fiorentino e Giuseppe Perugini (1944-47) e il Monumento ai caduti nel campi di concentramento in Germania realizzato nel 1946 a Milano dal gruppo BBPR ( Ludovico Belgiojoso, Enrico Peressutti e Ernesto Nathan Rogers). Il primo e’ caratterizzato da un pesante monolite che, quasi abolendo la legge di gravità, si libra, coprendolo, sullo spazio aperto nel quale sono disposte le tombe dei caduti, il secondo e’ un aereo volume virtuale idealmente delimitato da leggere aste in ferro e esili pannelli, liberamente ripreso dagli allestimenti di Persico.

Monumento ai caduti, foto di Diego Terna

 

Tra  i romani, sono soprattutto Mario Ridolfi e Ludovico Quaroni, a spingere per un’edilizia radicata nella tradizione  storica e artigianale italiana. Entrambi propongono, per il concorso per il fabbricato viaggiatori della stazione Termini (1947), un atrio scandito da pilastri binati che sorreggono delle volte e che ricorda le forme dei grandi complessi monumentali dell’antica Roma. Entrambi collaborano   ( insieme a numerosi e promettenti giovani: Carlo AymoninoCarlo Chiarini, Mario Fiorentino, Maurizio Lanza, Federico GorioSergio LenciPiero Maria LugliCarlo MelograniGiancarlo Menichetti, Giulio Rinaldi e Michele Valori) al quartiere INA-Casa sulla via Tiburtina a Roma (1949-1954) nel quale sono riprese le forme dell’edilizia tradizionale, dei borghi, dello strapaese. Il quartiere, che più tardi sarà soprannominato dallo stesso Quaroni “ il paese dei barocchi”, rappresenta una definitiva presa di distanza dal razionalismo e dalla architettura organica e, insieme, l’accettazione del ritardo tecnologico italiano. Lo testimoniano la cura, ossessivamente manierista se non –appunto- barocca, dei particolari costruttivi in mattoni o in ferro battuto eseguiti con perizia artigianale, i tetti in tegole, l’estetica del frammentario e del pittoresco. Sono la manifestazione dello stesso atteggiamento populista messo in scena dalla contemporanea cinematografia neorealista: da qui la definizione di neorealismo architettonico.

Tra le opere migliori di questa tendenza, nelle quali la ripresa di etimi popolari rappresenta anche una presa di distanza dai più sofisticati ma decadenti valori figurativi dell’alta borghesia, è da annoverare il progetto per La Martella a Matera redatto nel 1951 da Quaroni, Luigi Agati, Federico Gorio, Piero Maria Lugli, Michele Valori: un borgo che ruota intorno ad alcuni edifici pubblici aprendosi alla campagna circostante e che cerca, attraverso una strategia rurale e anti-urbana, di compensare, con l’immagine rassicurante del villaggio, gli abitanti – sfrattati dai Sassi- per lo sradicamento subito. Vi sono poi il quartiere INA-Casa a Terni  (1949) e il Piano INA-Casa di Cerignola entrambi realizzati da Mario Ridolfi, il quale, per meglio comprendere le esigenze dei futuri abitanti, non esita a trasferirsi in Puglia attivando una metodologia di lavoro sul campo che produce una sintassi architettonica tanto squisita nel suo recupero di tecniche artigianali quanto fuori dal tempo. Sempre di Ridolfi  sono le Torri in viale Etiopia a Roma (1950-54). Si staccano dalla comune edilizia abitativa per l’organizzazione degli spazi condominiali, resi piacevoli anche grazie alla rotazione degli edifici rispetto alla giacitura della strada, e per la diversa colorazione degli intonaci di ciascuna torre rafforzata dall’uso di variopinte maioliche nei parapetti sottostanti le finestre.

All’interno dell’estetica neorealista possono essere ricondotti numerosi altri piani realizzati a seguito del primo settennio INA-Casa, il piano Fanfani diventato legge nel 1949 ed affidato ad Arnaldo Foschini, un architetto compromessosi con il fascismo, che però ha l’intelligenza di chiamare Adalberto Libera a dirigere l’ufficio tecnico, di incaricare Mario De RenziCesare Ligini e Mario Ridolfi di elaborare progetti-tipo e di far affidare gli interventi ai più interessanti architetti della nuova generazione. Tra questi ricordiamo il quartiere San Basilio di Mario Fiorentino (1951) e il quartiere della Falchera a Torino di Astengo, Molli, Boffa, Renacco, Rizzotti (1950-51).

Se l’asse Quaroni-Ridolfi proietta l’architettura romana del primo dopoguerra lungo il versante neorealista, non mancano personaggi che si orientano verso altre direzioni. Tra questi il più dotato e’ Luigi Moretti autore di tre case albergo a Milano (1948-1950), della palazzina del Girasole a Roma (1947-1950) e della Villa saracena a Santa Marinella (1954). Le prime due riprendono gli etimi razionalisti ma per metterli in crisi, attraverso un raffinato formalismo che non esita a lavorare sulla contrapposizione tra piani e volumi, tra superfici piane e tagli profondi, tra linee ortogonali e inclinate, tra il liscio e il ruvido. La terza e’ un’opera giocata su generatrici curve che proietta Moretti nella ricerca sullo spazio un tema, che come testimonia lo stesso nome della rivista da lui fondata nel 1950 –Spazio- lo appassionerà sempre di più. Autore fuori dagli schemi e personaggio compromesso con il passato regime, tanto da essere stato arrestato tra il 1945 e il 1946 per attività filofascista, non godrà di buona critica. Sarà poco apprezzato da Bruno Zevi, che pur riconoscendone il talento, lo terrà a distanza e dai Milanesi che ruotano intorno a Rogers i quali lo accuseranno di formalismo modernistico. Mentre invece e’ apprezzato dal critico inglese Banham che ne loderà l’approccio decisamente contemporaneo.

Vi sono, poi, le opere dei grandi strutturisti romani: Pier Luigi Nervi e Riccardo Morandi.  Il primo realizza tra il 1948 e il 1950 il Palazzo delle Esposizioni di Torino che si caratterizza per sala rettangolare coperta da una volta sottile ondulata ad elementi prefabbricati che si imposta, per mezzo di tre ventagli di raccordo, su setti dalla forma aerodinamica. Dopo le autorimesse di Orbetello del 1935, e’ la dimostrazione che l’ingegneria, quando si confronta con opere di grande scala, può produrre eccellente architettura. Il secondo, in questi anni, sta brevettando sistemi di precompressione del cemento armato che consentono di ridurre drasticamente le sezioni portanti. Serviranno per realizzare ponti, costruzioni industriali, centrali idroelettriche di grande arditezza tecnologica ed anche strutture cinematografiche quali il Maestoso a Roma, con una sala per 2600 posti, collocata a piano terra di un edificio per abitazioni (altre importanti sale cinematografiche, quali l’Augustus e il Giulio Cesare, erano state realizzate dallo stesso Morandi negli anni Trenta). Entrambi portavoce della grande tradizione ingegneristica italiana, Nervi e Morandi testimoniano che , anche in un paese tecnologicamente arretrato come l’Italia, e’ possibile perseguire l’innovazione senza cadere nelle logiche dell’artigianato e dello strapaese. Prova ne sia che entrambi verranno chiamati per importanti lavori all’estero dove godranno di maggiore fama che in Italia: Nervi, per esempio, già nel 1953 sarà coinvolto nella progettazione della Sede dell’Unesco a Parigi.

Se il clima romano, pur con le eccezioni che abbiamo appena individuate, e’ scisso tra la tendenza organica e il neorealismo populista, l’ambiente milanese si caratterizza per un approccio formalmente più severo ma non meno segnato da ansie storicistiche , cioè, in sostanza, dal problema di come superare l’algida astrazione dell’International Style per produrre edifici in grado di dialogare con la città costruita, con tutte le sue composite stratificazioni stilistiche e temporali. Leader indiscusso di questo filone di pensiero e’ Ernesto Nathan Rogers, membro del , autore con il gruppo BBPR di molte tra le più importanti opere realizzate nel periodo, direttore diDomus dal 1946 al 1947 e dal 1954 direttore della rinata Casabella, ribattezzata con il nome Casabella Continuità per ricordare il legame tra la nuova pubblicazione e la precedente diretta da Pagano e Persico. Delle sue architetture, tra le quali spicca la Torre Velasca (1950-58) a Milano, parleremo nel prossimo capitolo.

Tra i progettisti di maggior talento dell’area milanese spicca Franco Albini, autore nel 1949-51 di un albergo-rifugio a Cervino dove sono liberamente riprese le forme dell’edilizia alpina per realizzare un’opera in grado di ambientarsi perfettamente nel paesaggio circostante; di un eccellente intervento di infill urbano con il palazzo dell’INA a Parma del 1950, che mostra come anche un edificio in cemento armato possa ambientarsi in un contesto delicato a condizione di trasformare i passi strutturali in ritmi visivi; di un elegante restauro a palazzo Bianco a Genova  caratterizzato dalla sensibilità con la quale l’architetto riesce a valorizzare, attraverso il disegno delle vetrine, gli oggetti esposti; di un magnifico intervento nella cattedrale di San Lorenzo a Genova (1952- 1956) dove l’ambiente interrato assume un connotato magico grazie agli ambienti circolari che evocano gli antichi luoghi di culto.

Dotato di non minor talento, anche se spesso mortificato da un’eccessiva ansia storicista, e’ Ignazio Gardella. E’ autore della elegante galleria d’Arte moderna di Milano (1954), un padiglione espositivo che si caratterizza per la levità della struttura e per il continuum spaziale. Celeberrimo e’ l’edificio per impiegati della Borsalino  (1950-52), una lama in mattoni, caratterizzata da uno slanciato corpo segmentato che culmina con un generoso cornicione. Da molti viene, e a ragione, interpretato come un atto di critica al modernismo a favore del recupero di un linguaggio in grado di dialogare con la tradizione. Esattamente come la ancora più celebrata Case alle Zattere sul Canal Grande (1954-58), di cui parleremo più diffusamente nel prossimo capitolo.

Padiglione d’Arte Contemporanea, foto di Diego Terna

Inclassificabile sia all’interno delle tematiche romane che milanesi e’ il fiorentino Giovanni Michelucci, l’autore della Stazione di Firenze che durante il fascismo aveva sollevato tante polemiche. Nel dopoguerra e’ impegnato con la Borsa Merci di Pistoia del 1950, l’edificio di via Guicciardini a Firenze (1955-57) e il Palazzo INA a Firenze (1955-57). Ubicati in contesti storici delicatissimi, riescono ad ambientarsi felicemente grazie all’uso di materiali tradizionali e di volumetrie semplici e asciutte che, pur senza copiarle, ricordano quelle degli antichi palazzi rinascimentali.

Un cenno, infine, alla attività veneziana di Giuseppe Samonà. Eletto nel 1943 direttore dell’Istituto Universitario di Venezia, chiamerà a raccolta i più rappresentativi personaggi della cultura architettonica italiana, trasformando l’Istituto nel centro di elaborazione più importante della penisola. A Venezia insegneranno Giovanni Astengo, Franco Albini, Giancarlo De CarloLudovico Barbiano di BelgiojosoIgnazio Gardellla, Luigi Piccinato, Carlo Scarpa, Bruno Zevi. Architetto militante, Samonà e’ anche autore, con Egle Renata Tricanato, della sede Inail a San Simeone a Venezia (1950-56). Insieme alla Casa alle Zattere di Gardella, alla Torre Velasca di BBPR e alla Bottega di Erasmo di Gabetti e Isola, sarà il manifesto di un approccio italiano all’architettura contemporanea che provocherà non poche polemiche.

di Luigi Prestinenza Puglisi

Contatti

Ai sensi dell'art. 13 del D.Lgs. 196/03, la compilazione del modulo costituisce esplicita autorizzazione e consenso alla detenzione e al trattamento dei dati personali, come disposto dal Codice in materia di dati personali. La informiamo inoltre che, relativamente ai dati forniti, potrà esercitare i diritti previsti dall'art. 7 del D.Lgs. 196/03.

© 2014 - 2017 AARC.it

via G.M.Terreni, 32
Livorno 57122 IT
tel +39 0586 1690806
fax +39 0586 014808
p.iva 01858520495
email [email protected]

born in MaMaStudiOs